Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Filippo

40 anni, project manager di Roma

Vivi come se dovessi morire domani, pensa come se non dovessi morire mai

La mia specialità Top Media
Secondo
Abbacchio fave e pecorino
Abbacchio fave e pecorino
Tritare finemente lo scalogno e le erbe aromatiche e pulire i baccelli...
Difficoltà: Media
Scopri tutto sull'ingrediente:

Filippo MasterChef 4 2014

Biografia di Filippo

La mia vita è stata frutto di scelte, di episodi vissuti a 300 km/h: poco tempo per pensare, poco tempo per agire… ad ogni azione corrisponde una reazione pari e contraria! La mia vita è sempre stata così: penso, agisco, subisco, reagisco. Provengo da una famiglia umile: un fratello di quattro anni più piccolo, mio padre di origine pugliese, mia madre di origine marchigiana, una zia adottata napoletana (che oggi veste le veci di mia madre). Ho sempre voluto fare tutto di testa mia, provando tutto, desideroso di scoprire il mondo e la vita, prematuro in ogni cosa, non eccellente a scuola, ma estremamente brillante.

Ho alle spalle un matrimonio andato male, una separazione difficile e dolorosa; mia madre è morta giovane, lasciandomi con un immenso vuoto e senso di colpa.
 Rialzato dalla caduta, ho ripreso in mano la mia vita e ho sfogato la rabbia in cucina, dove posso stare con me stesso, ritrovando ogni volta la grinta e l’entusiasmo di vivere.

Mia moglie Francesca mi lascia fare, sa che cucinare per me è fonte di ispirazione e gratificazione. 
Sto cercando di trasmettere alle mie figlie la stessa passione, e devo dire che loro con molta probabilità saranno migliori di me e mi surclasseranno in tutto.
 La cucina è il fulcro della mia vita, in cui concentro tutta la mia attenzione per radunare i miei cari intorno a me e far sì che loro, grazie alla mia passione, trovino la voglia di sorridere attorno ad un piatto di cibo entusiasmante.
 Da qui la necessità di provare nuove ricette, per stupire e creare quella meravigliosa sensazione di vedere nel volto delle persone la serenità e la gioia di essere amati.

Presentazione di Filippo

Curiosità su Filippo

Sei innamorato? Si.

Raccontaci la tua giornata tipo: Sveglia alle 7.15 colazione, mi lavo, mi vesto, porto due delle mie tre figlie a scuola (Carlotta, Maria e Alice), entro in ufficio alle 8.45, prendo un caffè con i colleghi ed inizio il mio incessante coordinamento di attività manutentive per i mercati ed ipermercati di Roma, Napoli, Pescara, L’Aquila.
 La mia giornata passa tra ore interminabili davanti al computer e al telefono. La mia giornata lavorativa finisce quando sono esausto, non c’è mai una volta che dico: “ho finito tutto per oggi, me ne posso andare”. Rientro a casa e, se non è troppo tardi, preparo la cena per tutti. A tavola sto con tutta la mia famiglia e il nostro cane Saphira. Il tempo libero serale lo passo con la mia famiglia, tra qualche chiacchiera e un po’ di tv.Il sabato e la domenica sono altre storie: passeggiata al mercato, spesa, pranzo preparato rigorosamente dal sottoscritto, dato che abbiamo sempre qualche ospite. In tutto questo, quando tutti dormono e finalmente sono solo, leggo libri e riviste di cucina e provo almeno un paio di ricette al giorno!

Chi non ha mai smesso di credere in te? Mia moglie e la mia famiglia soprattutto. La mia mamma, fino a quando ha potuto. Ora veglia e crede in me da molto lontano.

Cosa ti spaventa?
 Ho paura di soffocare!

Come nasce la tua passione? Da sola, naturalmente. Mi riusciva naturale svolgere le attività di preparazione sin da bambino, mi ricordo che ero così preciso che a sei anni mia madre mi mandava a fare la spesa da solo senza lista, poi lei passava e pagava. A diciassette anni nel bar dei miei genitori preparavo gastronomia fredda. Ho capito con il tempo che i complimenti di mia madre erano per me, per le mie doti e per la mia passione: quella di cucinare e mangiare bene.

Il tuo piatto forte: Tonnarelli, cozze e coniglio. L’ho battezzato “Il coniglio pescatore”.

Lo chef a cui ti ispiri: Adoro la creatività di Carlo Cracco, ma la mia cucina e i miei piatti hanno la mia identità e quella di nessun altro.

L’ingrediente che non può mai mancare nella tua cucina: Insieme alla bottarga… la musica! Grande fonte d’ispirazione ed emozioni che, abbinata a profumi e sapori, genera un’alchimia senza pari.

Sogno nel cassetto: Mi piacerebbe trasformare la mia casa in un ristorante bellissimo, cucinare per e con grandi chef e avere un mio programma di cucina in tv.

Raccontaci un tuo aneddoto divertente legato alla cucina: Quando avevo sette anni, scovai il regalo che i miei genitori mi avrebbero fatto per Natale qualche giorno prima di riceverlo: tra i pacchi ancora da incartare c’era un fantastico kit della piccola cuoca contenente padelle, bilancia, ortaggi, coltelli, piatti e così via. Non mi sembrava vero! Lo sottrassi e me lo portai in camera, ci giocai per giorni prima che i miei genitori se ne accorgessero. Le botte che ho preso da mia madre ancora me le ricordo! Però forse era un segno che la mia passione era scritta già nel mio DNA!

Che musica ascolti mentre cucini?
 Tutta quella musica che abbia un ritmo tale da coinvolgere la mente e il corpo in un unico indissolubile concentrato di emotività.

Cosa significa per te MasterChef? 
Era un sogno irraggiungibile, oggi è ancora qualcosa di immateriale che non riesco a realizzare; mi sento catapultato in un mondo che non mi appartiene, ma di giorno in giorno contestualmente mi dà una carica esplosiva di grinta, emozioni e passione quasi viscerale, che viene dal profondo, come se questo fosse stato scritto nel mio destino che ho prepotentemente desiderato. MasterChef è la fine di un sogno che è appena iniziato, come in un loop senza fine dove l’inizio è la fine e la fine è l’inizio!

Cosa ti piacerebbe si dicesse di te come chef?
 Mi piacerebbe riuscire a far notare le mie conoscenze tecniche come quelle di fantasia, nascondendo la mia emotività, che invece nei miei piatti c’è sempre. In due parole: tecnicamente fantasioso!

Il voto che ti dai come chef: 6 per l’esperienza, 9 per la grinta, 10 per la forza d’animo, 7 per la cucina.

Tutte le news su Filippo

  • 30 gennaio 2015
    Oggi a MasterChef Magazine ritroviamo l'eliminato dall'ultima puntata di MasterChef Italia. Filippo, il nostro project manager romano, ha preparato per voi un Filetto ...
  • 30 gennaio 2015
    Non avete ancora deciso cosa cucinare per il pranzo della domenica? Non avete voglia di un bel pollo ripieno con contorno di verdure ...
  • 30 gennaio 2015
    Torna come ogni anno un grande classico di MasterChef Italia: gli spaghetti! All'interno della Mystery Box giovedì scorso i nostri aspiranti chef hanno ...
  • 30 gennaio 2015
    Come ogni venerdì MasterChef Magazine vi offre la possibilità di salutare l'ultimo eliminato da MasterChef Italia! Accogliamo oggi tra i nostri fornelli ...
  • 29 gennaio 2015
    La verde Irlanda ha accolto oggi i cuochi amatoriali di MasterChef Italia! Le due brigate di aspiranti chef capitanate rispettivamente da Arianna e ...
  • 29 gennaio 2015
    Sfoglia la GALLERY con i migliori scatti del quattordicesimo episodio! Guarda i VIDEO dei momenti più emozionanti del quattordicesimo episodio! Nell’episodio precedente i ...
Le ricette di Filippo  Vedi tutte (2621)
Secondo
Difficoltà: Semplice
Primo
Difficoltà: Semplice
 
MasterChef Italia
MasterChef Italia

Sky YAM Endemol Shine Group

Cerca su Sky

Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera il tuo Sky iD
Recupera il tuo Sky iD
Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...